della fideiussione

Codice civile
Vigente al: 30 luglio 2018

Libro quarto – delle obbligazioni

Titolo III – Dei singoli contratti

Capo XXII – Della fideiussione

Sezione I – Disposizioni generali

Art. 1936Nozione.
– E’ fideiussore colui che, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce l’adempimento di un’obbligazione altrui.
– La fideiussione è efficace anche se il  debitore non ne ha conoscenza.

Art. 1937Manifestazione della volontà.
– La volontà di prestare fideiussione deve essere espressa.

Art. 1938Fideiussione per obbligazioni future o condizionali.
– La fideiussione può essere prestata anche per un’obbligazione condizionale o futura con la previsione, in questo ultimo caso, dell’importo massimo garantito.

Art. 1939Validità della fideiussione.
– La fideiussione non è valida se non è valida l’obbligazione principale, salvo che sia prestata per un’obbligazione assunta da un incapace.

Art. 1940Fideiussore del fideiussore.
– La fideiussione può essere prestata così per il debitore principale, come per il suo fideiussore.

Art. 1941Limiti della fideiussione.
– La fideiussione non può eccedere ciò che è dovuto dal debitore, né può essere prestata a condizioni più onerose.
– Può prestarsi per una parte soltanto del debito o a condizioni meno onerose.
– La fideiussione eccedente il debito o contratta a condizioni più onerose è valida nei limiti dell’obbligazione principale.

Art. 1942Estensione della fideiussione.
– Salvo patto contrario, la fideiussione si estende a tutti gli accessori del debito principale, nonché alle spese per la denunzia al fideiussore della causa promossa contro il debitore  principale  e alle spese successive.

Art. 1943Obbligazione di prestare fideiussione.
– Il debitore obbligato a dare un fideiussore deve presentare persona capace, che possieda beni sufficienti a garantire l’obbligazione  e che abbia o elegga  domicilio  nella  giurisdizione  della  corte  di appello in cui la fideiussione si deve prestare.
– Quando il fideiussore è divenuto insolvente, deve esserne dato un altro, tranne che la fideiussione sia stata prestata dalla persona voluta dal creditore.

Sezione II
Dei rapporti tra creditore e fideiussore

Art. 1944Obbligazione del fideiussore.
– Il fideiussore è obbligato in solido col debitore principale al pagamento del debito.
– Le parti però possono convenire che il fideiussore non sia tenuto a pagare prima dell’escussione del debitore principale. In tal  caso, il fideiussore, che sia convenuto dal creditore e intenda valersi del beneficio dell’escussione, deve  indicare i beni del debitore principale da sottoporre ad esecuzione.
– Salvo patto contrario, il fideiussore è tenuto ad anticipare le spese necessarie.

Art. 1945Eccezioni opponibili dal fideiussore.
– Il fideiussore può opporre contro il creditore tutte le eccezioni che spettano al debitore principale, salva quella derivante dall’incapacità.

 

Art. 1946Fideiussione prestata da più persone.
– Se più persone hanno prestato fideiussione per un medesimo debitore e a garanzia di un medesimo debito, ciascuna di esse è obbligata per l’intero debito, salvo che sia stato pattuito il beneficio della divisione.

Art. 1947Beneficio della divisione.
– Se è stato stipulato il beneficio della divisione, ogni fideiussore che sia convenuto per il pagamento dell’intero debito può esigere che il creditore  riduca  l’azione  alla  parte  da  lui dovuta.
– Se alcuno dei fideiussori era insolvente al tempo in cui un altro ha fatto valere il beneficio della divisione, questi e’ obbligato per tale insolvenza in proporzione della sua quota, ma non risponde delle insolvenze sopravvenute.

Art. 1948Obbligazione del fideiussore del fideiussore.
– Il fideiussore del fideiussore non è obbligato verso il creditore, se non nel caso in cui il debitore principale e tutti i fideiussori di questo siano insolventi, o siano liberati perché incapaci.

Sezione III
Dei rapporti tra fideiussore e debitore principale

Art. 1949Surrogazione del fideiussore nei diritti del creditore.
– Il fideiussore che ha pagato il debito è surrogato nei diritti che il creditore aveva contro il debitore.

Art. 1950Regresso contro il debitore principale.
– Il fideiussore che ha pagato ha regresso contro il  debitore principale, benché  questi  non  fosse  consapevole  della  prestata fideiussione.
– Il regresso comprende il capitale, gli interessi e le spese che il fideiussore ha fatte dopo che ha denunziato al debitore principale le istanze proposte contro di lui.
– Il fideiussore inoltre ha diritto agli interessi legali sulle somme pagate dal giorno del pagamento. Se il debito principale  produceva interessi in misura superiore al saggio  legale,  il  fideiussore  ha diritto a questi fino al rimborso del capitale.
– Se il debitore è incapace, il regresso del fideiussore è ammesso solo nei limiti di ciò che sia stato rivolto a suo vantaggio.

Art. 1951Regresso contro più debitori principali.
– Se vi sono  più  debitori  principali  obbligati  in  solido,  il fideiussore che ha garantito per tutti ha  regresso  contro  ciascuno per ripetere integralmente ciò che ha pagato.

Art. 1952Divieto di agire contro il debitore principale.
– Il fideiussore non ha regresso contro il debitore principale se, per avere omesso di denunziargli il pagamento fatto, il debitore ha pagato ugualmente il debito.
– Se il fideiussore ha pagato senza averne dato avviso al debitore principale, questi può opporgli le eccezioni che avrebbe  potuto opporre al creditore principale all’atto del pagamento.
– In entrambi i casi è fatta salva al fideiussore l’azione per la ripetizione contro il creditore.

Art. 1953Rilievo del fideiussore.
– Il fideiussore, anche prima di aver pagato, può agire contro il debitore perché questi gli procuri la liberazione o, in  mancanza, presti le garanzie necessarie  per  assicurargli il soddisfacimento delle eventuali ragioni di regresso, nei casi seguenti:
1) quando è convenuto in giudizio per il pagamento;
2) quando il debitore è divenuto insolvente;
3) quando il debitore si è obbligato di liberarlo dalla fideiussione entro un tempo determinato;
4) quando il debito è divenuto esigibile per la scadenza del termine;
5) quando sono decorsi cinque anni, e l’obbligazione principale non ha un termine, purché essa non sia di tal natura da non  potersi estinguere prima di un tempo determinato.

Sezione IV
Dei rapporti tra più fideiussori

Art. 1954Regresso contro gli altri fideiussori.
– Se più persone hanno prestato fideiussione per un medesimo debitore e per un medesimo debito, il fideiussore che  ha  pagato ha regresso contro gli  altri fideiussori per la loro rispettiva porzione. Se uno di questi è insolvente, si osserva la disposizione del secondo comma dell’art. 1299.

Sezione V
Dell’estinzione della fideiussione

Art. 1955Liberazione del fideiussore per fatto del creditore.
– La fideiussione si estingue quando, per fatto del creditore,  non può avere effetto la surrogazione del fideiussore nei diritti, nel pegno, nelle ipoteche e nei privilegi del creditore.

Art. 1956Liberazione del fideiussore per obbligazione futura.
– Il fideiussore per un’obbligazione futura è liberato se il creditore, senza speciale autorizzazione del fideiussore, ha fatto credito al terzo, pur conoscendo che le condizioni  patrimoniali  di questo erano divenute tali da rendere notevolmente più difficile  il soddisfacimento del credito.
– Non è valida la preventiva rinuncia del fideiussore ad avvalersi della liberazione.

Art. 1957Scadenza dell’obbligazione principale.
– Il fideiussore rimane obbligato anche dopo la scadenza dell’obbligazione principale, purché il creditore entro sei mesi abbia proposto le sue istanze contro il debitore e le abbia con diligenza continuate.
– La disposizione si applica anche al caso in cui il fideiussore ha espressamente limitato la sua fideiussione allo stesso termine dell’obbligazione principale.
– In questo caso però l’istanza contro il debitore deve essere proposta entro due mesi.
– L’istanza proposta contro il debitore  interrompe  la  prescrizione anche nei confronti del fideiussore.

____________________

MAPPA DEL SITO
_________________________

 

 

 

nota della redazione:
tutti i testi dei provvedimenti pubblicati non sono ufficiali. Per gli atti normativi, l’unico testo facente fede è quello pubblicato a mezzo stampa sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Per tutti gli altri provvedimenti, fanno fede i testi pubblicati sui siti istituzionali dei vari enti e agenzie governative.

**